Cerca nel blog

mercoledì 15 aprile 2015

Zuccotto di melanzane con spaghetti dal cuore siculo!


Questa me la sono inventata poco fa, su due piedi, avendo da smaltire dei carciofi cotti ieri con un cipollotto scalogno (e ancora ben croccanti), un poco di ricotta fresca di pecora e mezza melanzana (che se fosse stata intera sarebbe stato molto meglio!), abbandonata nel fondo del frigorifero da giorni e in procinto di urlare. Comunque, con gli avanzi del giorno prima (e oltre) può venirci su un vero e proprio trionfo di gola. Ovviamente il cuore è siculo, come me, poiché tutti gli ingredienti sono tipici della nostra cucina tradizionale. C’è anche un poco di finocchietto selvatico (che tengo sempre congelato nel freezer), per non smentire l’origine isolana di questa ricetta.




Ingredienti per due zuccotti: 180 g di spaghetti, 1 melanzana abbastanza grossetta (voi cuocetene una, e non mezza, per non ‘fare bile’ come è successo a me, nel creare l’involucro esterno dello zuccotto), due/tre carciofi con le spine e ½ cipollotto scalogno, quattro abbondanti cucchiaiate di ricotta fresca di pecora, peperoncino o pepe nero, parmigiano grattugiato q.b. (o parmigiano vegano, se non mangiate formaggio), pangrattato per la gratinatura esterna (il mio era miscelato a del cocco rapè – anche questa una rimanenza della ricetta di ieri - e il sapore finale non è stato proprio niente male! Decidete voi se usare o meno questo abbinamento. In ogni caso, se siete celiaci, usate pangrattato senza glutine. Io compro quello Coop, che costa meno degli altri), olio evo q.b., una manciata di foglioline di finocchietto selvatico, quattro fettine di pancetta tesa (non indispensabili!). 


Tempo di preparazione: 45 minuti più 15 di cottura

Friggete la melanzana tagliata a fettine da mezzo centimetro di spessore. Cuocete i carciofi (precedentemente tagliati a fettine, immersi in acqua e limone, per non farli annerire, poi sciacquati e sbollentati in acqua salata per un minuto) in un soffritto di scalogno tritato, per pochi minuti, aggiungendo acqua calda affinché si ammorbidiscano e non friggano. Salate, pepate e spegnete. Poi cuocete gli spaghetti in acqua bollente salata assieme al finocchietto selvatico, lasciandoli molto al dente. Scolateli e poi versateli in un tegame assieme ai carciofi, ad un poco di brodo di pasta (precedentemente messo da parte) per ammorbidire, un cucchiaio abbondante di ricotta, un poco di parmigiano grattugiato e un filo d’olio. Dovete mantenerli umidi e cremosi, ma non brodosi. Infine, rivestite due contenitori unti d’olio evo (ben unti, per far scivolare meglio lo zuccotto) con le fette di melanzana fritte, versateci dentro metà della pasta, compattate con le mani, riempite il cuore con un bel cucchiaio di ricotta fresca, poi chiudete con i restanti spaghetti, compattateli un poco per farli aderire bene alle melanzane, e chiudete con un’ultima fetta di melanzana. 

... notate: se avessi avuto una melanzana intera avrei rivestito meglio il contenitore 


Spolverate con del pangrattato e rovesciate lo zuccotto (con cura) su di una teglia unta d’olio evo. Sulla sua base, se volete fare come me, girate due fettine di pancetta tesa (io le dovevo smaltire e quindi le ho utilizzate, ma devo dire che sono diventate croccanti al punto giusto, mentre si sono sciolte, nella loro parte grassa, conferendo un ulteriore tocco libidinoso alla pasta). Spolverate anche la cupola dello zuccotto con altro pangrattato, un filo d’olio a coprire e infornate, in forno preriscaldato a 200°, per quindici minuti, più tre/quattro minuti di grill, se necessario.




Prima di servire, fate riposare qualche minuto (se la gatta non lo mangia prima!)



Se vi è piaciuta questa ricetta, seguitemi sulla mia pagina Facebook, mettendo il Mi piace o iscrivendovi al Blog riceverete le mie nuove ricette e potremmo scambiare due chiacchere!



Baci, Bimbapimba



LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa

LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa