Cerca nel blog

mercoledì 26 luglio 2017

ricetta Polpette di Zucchine e Melanzane al Cumino

Le zucchine mi stanno salvando (o invadendo, a secondo della prospettiva) l'estate! Il mio orto ne ha prodotte e ne produce a dismisura, il frigorifero ne è sempre pieno, ormai da almeno due mesi. Ecco perchè mi devo inventare sempre nuove soluzioni, tanto per divertirmi ai fornelli! Vanno bene in umido, arrostite, sott'olio, a involtini, nei dolci, ad hamburger, a frittelle ... ecco perché non potevano mancare le Polpette di zucchine e melanzane al cumino!!! Sapete che vi dico però? Che sono buonissime!!! Sarà l'aggiunta del cumino, che adoro, ma le devo rifare prestissimo! 


Polpette di Zucchine e Melanzane al Cumino


INGREDIENTI per 4-5 porzioni

2 melanzane nostrane (quelle scure e lunghe)
1 zucchina genovese enorme (equivalente a 2 o 3 medie)
Aromi freschi: Menta, basilico, Erba cipollina (abbondanti)
Aromi secchi o in polvere: cumino in polvere, peperoncino piccante
Frutta secca: Mandorle e pinoli (una bella manciata)
Olio evo
Sale
1 uovo intero
1 cucchiaio raso di farina di ceci
Q.b pangrattato (io senza glutine)

PROCEDIMENTO

Tagliare a cubetti le verdure e metterle sotto sale (poco sale, pochissimo).
Lasciarle a scolare l'acqua di vegetazione per un'ora, poi sciacquarle e bollirle per circa 10 minuti, in acqua leggermente salata.
Scolarle, farle raffreddare, quindi strizzarle con le mani e sminuzzarle bene (io in uno sminuzzatore elettrico, ma con colpetti brevi, per non ridurle in crema).
Preparare un pesto con la frutta secca e gli aromi freschi.
Aggiungere l'uovo intero, il pesto di aromi e frutta secca, gli aromi secchi (cumino e peperoncino, nelle quantità da voi preferite, iniziando sempre con poco), addensare con pangrattato q.b. e farina di ceci, salare e pepare a piacere (assaggiando). 
Formare delle palline, con le mani unte d'olio, poggiarle su carta da forno unta con olio evo, schiacciarle, ungere ancora con olio evo, spolverare con pochissimo pangrattato e cuocere a 250° C ventilato pre riscaldato, sino a gratinatura.




Se restano, anche il giorno dopo sono squisite!
In mezzo al pane, diventano un'ottima merenda, anche per una gita fuori porta!



Se vi è piaciuta questa ricetta seguitemi sulla mia pagina Facebook, mettendo il Mi piace o iscrivendovi riceverete le mie nuove creazioni!

Baci, Bimba Pimba


martedì 25 luglio 2017

ricetta Spaghetti con Bottarga, Ciliegini e Mandorle

Questa degli spaghetti con Bottarga, Ciliegini e Mandorle è una ricetta velocissima e molto gustosa, da servire assieme ad un calice di vino bianco ghiacciato!




INGREDIENTI per 2 porzioni di Spaghetti con Bottarga, Ciliegini e Mandorle

200 g spaghetti (io senza glutine)
40-50 g Bottarga fresca (che non sia troppo salata)
15 pomodorini Ciliegini di Pachino maturi e sodi
1 spicchio d'aglio
prezzemolo fresco abbondante
4-6 foglioline di menta fresca
10 mandorle pelate
20 pinoli
1 peperoncino rosso piccante
pangrattato senza glutine, pochissimo (circa 2 cucchiai, da tostare in padella con un filo d'olio, un pizzico di sale, prezzemolo tritato e peperoncino in polvere)
olio evo q.b.




PROCEDIMENTO

Prepararvi prima tutti gli ingredienti, che poi il sugo si prepara in 5 minuti! Ecco il Set cinecucinatografico!!!




Con tutto pronto, il gioco è semplicissimo e la pasta sarà divina!!! Procediamo!
Rosolare l'aglio in una padella con olio evo abbondante, aggiungere una manciata di prezzemolo tritato, il peperoncino tagliuzzato e metà delle mandorle (precedentemente pestate assieme ai pinoli e alla menta fresca). Amalgamare e poi aggiungere i pomodorini, affettati, saltando il tutto per un minuto o due a fiamma molto alta, per non far cuocere troppo i pomodorini (devono restare integri).
Spegnere e mantenere coperto. 
Scolare gli spaghetti al dente, mantecarli con il sugo, aggiungendo pochissima acqua di pasta, unire metà della bottarga affettata e tritata, scioglierla assieme alla pasta e spegnere mantenendo il tutto cremoso (per non far scaldare troppo la bottarga).
Impiattare, guarnendo con la bottarga affettata rimasta, spolverando con altro prezzemolo, con la metà avanzata del battuto di mandorle, pinoli e menta e con un po' di pangrattato tostato, da servire anche a parte.

Se vi è piaciuta questa ricetta seguitemi sulla mia pagina Facebook, mettendo il Mi piace o iscrivendovi riceverete le mie nuove creazioni!

Baci, Bimba Pimba


lunedì 24 luglio 2017

ricetta Peperoni all'agrodolce

I Peperoni all'agrodolce, in Sicilia, sono una tradizione. Non sono una peperonata, ma un antipasto più semplice e veloce e che si conserva perfettamente in frigorifero qualche giorno, per via dell'aggiunta di zucchero e aceto. La mia è una versione leggermente rielaborata delle ricette trovate nei libri di cucina tradizionale siciliana che possiedo, ma di fatto la base è sempre quella: cottura in tegame dei peperoni con la cipolla, aggiunta di pomodoro e solo in ultimo aceto e zucchero. Capperi, passolini (uva passa) e pinoli, nonché lo zucchero di canna, sono una mia variante che la rende, secondo me, molto più ricca e sfiziosa, facendola somigliare leggermente alla famosa Caponata di melanzane.



INGREDIENTI

10 peperoni medi (io biologici e preferibilmente di più colori)
2 cipolle rosse bio
10 pomodori maturi tipo Sammarzano (io biologici)
Passolini e pinoli abbondanti (una bustina da 100 g)
Capperi salati abbondanti (una cinquantina almeno)
Olio evo q.b.

Per l'agrodolce:

100 g aceto di vino bianco
2 cucchiai zucchero integrale di canna

Aromi:


Basilico e menta abbondanti



PROCEDIMENTO

sabato 22 luglio 2017

ricetta Babà Mignon (senza glutine) con farine naturali e Licoli

Prima prova per fare il Babà con il Licoli senza glutine (ma chi non ama le sfide, vada con il Lievito di birra, trovate la versione QUA, basta usare gli stampi mignon).
Volevo provare a fare il Babà Mignon con il Licoli (senza glutine) per vedere come si mantenevano il giorno dopo, ma adesso sono confusa! Si perchè sono morbidissimi, dopo 24 ore, ma non so se è per il Licoli o perchè questa volta li ho inzuppati subito, ancora caldi, appena tirati fuori dallo stampo... Io credo entrambe le cose, ma procediamo con attenzione! Intanto, le foto!



Ora gli ingredienti, il metodo è lo stesso della versione con Lievito di birra, però per lievitare ci sono volute molte più ore, circa 7. Consiglio quindi di impastare di mattina. 
l'interno del Babà mignon senza glutine, soffice e spugnoso, leggerissimo


INGREDIENTI PER I BABA' CON LICOLI

65 g amido di tapioca o di mais
45 g farina di riso finissima
40 g fecola di patate
1,9 g di Guar + 0,1 g di Xantano (oppure 2 g di Guar)
0,6 g di Psillio
1,5 g sale
10 g zucchero
40 g burro fuso a pomata
12 g miele
2 uova + 1 albume (in tutto 150 g sgusciati)
30 g Licoli senza glutine
30 g Yogurt intero (non liquido) senza zucchero
6 g latte in polvere (in mancanza, aggiungete 5 g di farina di riso finissima)

PROCEDIMENTO

venerdì 21 luglio 2017

ricetta Vasteddine o Moffolette "cunzate" senza glutine

STREET FOOD SICILIANO DOC!
CON VIDEO RICETTA

Il pane del momento! Faccio solo questo, da molto tempo, e con lo stesso impasto faccio diverse cose: Vastedde vuote, panini morbidi, pizza... mi manca di tentare la focaccia ma già so che verrebbe divina!!! Intanto guardiamo le VASTEDDINE: deliziosi panini a palloncino, leggerissimi, gonfi e vuoti dentro, con un'alveolatura cavernosa! Ottimi per farciture di ogni tipo, morbidissimi e rustici, sembrano cotti in forno a legna! Poi a seguire, troverete le varianti per fare i Panini morbidi e la pizza!!! 


Le Vasteddine "cunzate" nella versione mignon sono molto indicate per un buffet simpatico fra amici
"Cunzati" (conditi) con olio extra vergine d'oliva, pomodoro, acciughe, formaggio pecorino (Primosale o altro), origano, sale e pepe diventano la cosa più siciliana che potrete immaginare! Chiudete gli occhi e pensate all'infrangersi dei flutti sulla scogliera dello Zingaro a Castellamare del Golfo (Trapani), quindi salite con l'immaginazione sino all'antico Baglio di Scopello e poi sbirciate dietro le tendine della signora, di cui non ho mai saputo il nome, e la vedrete mentre "cunza" i suoi filoni di pane casareccio ... poi riaprite gli occhi e mangiatevi le vostre Vasteddine o Moffolette "cunzate" , senza glutine, come vi ho indicato!!! Sentirete i profumi e i suoni di questa nostra bellissima isola! 

Questa ricetta delle Vasteddine o Moffolette è ad altissima idratazione, sfiora il 100% di acqua (circa tanta farina tanta acqua, Licoli compreso). Pertanto va lavorata in ciotola, preferibilmente con impastatrice, e nelle fasi in cui necessitano le mani dovrete infarinare bene il piano da lavoro (con farina di riso normale) e spolverare l'impasto quando necessario. Il risultato sarà eccellente, se seguite tutti i miei consigli. Al mio solito mix per pizza ho aggiunto una parte di Nutrifree pane (ovvero Auchan, sono analoghe e io uso quella), che conferisce più spinta verticale in cottura, e una buona dose (il 10%) di farine naturali integrali, per un gusto migliore e più sano, perché più ricco di fibre.



VASTEDDINE o MOFFOLETTE "cunzate"
(per 8 grandi o 16 medie o 32 piccole, più indicate per buffet o aperitivi)

Mix di Farine (in tutto 622g):

120 g mix per pane senza glutine MixB Schaer
120 g mix per pane senza glutine Nutrifree (o Auchan)
240 g mix per pane senza glutine Farmo Fibrepan (o Royaline fibra, o Lidl per pane, o Conad per pane, o Farmo Low Protein, ovviamente glutenfree)
80 g Mix universale senza glutine MixIt Schaer (o Pedon pane senza glutine)
60 g farine integrali naturali miste (quinoa, miglio integrale, riso integrale .. o a vostro piacere, come teff, avena, sorgo, saraceno, ecc...)
2 g farina di semi di guar (addensante, per compensare la presenza di farine naturali)

500 g acqua 
180 g Licoli senza glutine*
20 g olio evo
12 g sale
1 cucchiaino colmo di miele

* Se preferite il Lievito di birra, preparate prima un Lievitino sciogliendo in una ciotola: 1 g di lievito di birra con 100 g di acqua a temperatura ambiente e poi unendo 80 g di farina di riso (ingredienti extra non indicati in ricetta quindi da aggiungere al totale in elenco). Coprite con piattino e panno sopra e lasciate in un ambiente fresco, preferibilmente a 20°C-22°C (anche se in estate a casa mia è impossibile!!!) per 15-18 ore. Quando sarà pieno di bolle sarà pronto. Poi usatelo come se fosse il Licoli e procedete come descritto). I tempi, quando si usa il Lievito di birra, in genere sono più veloci, quindi guardate le foto per capire quando passare da una fase all'altra.

ingredienti per la "cunzata" (per il ripieno)

Pomodoro maturo a fettine
PrimoSale (o altro formaggio pecorino a pasta tenera, poco salato)
Acciughe sott'olio
origano
Olio evo
Sale
pepe




PROCEDIMENTO

guardate prima la VIDEO RICETTA 

giovedì 13 luglio 2017

ricetta Pizzotti rustici ai 5 grani ... con farine Siciliaintavola e Licoli (senza glutine)

Ho realizzato questi Pizzotti per provare un mix di farine a me nuovo, ne avevo un sacchetto intero ancora da aprire e l'altra sera ho deciso: la marca è Siciliaintavola, nella formula per pane e pizza senza glutine. E' un buon mix, contiene solamente fibre naturali, come lo Psillio, e il Guar, come addensante unico, ma poichè è composto da soli amidi e niente farine io ho sentito l'esigenza di tagliarlo con una buona percentuale di farine naturali e anche integrali, così da alleggerire il valore glicemico complessivo e mangiare più fibre. Così facendo ho ottenuto una miscela molto buona sia come sapore che come profumo e senza retrogusti. Vista l'assenza dell'E464 (idrossipropilmetilcellulosa), che di fatto mi consta sia l'ingrediente fondamentale per riuscire ad avere un pane voluminoso e leggero, ho optato per la pizza, che non ha bisogno di crescere in altezza. Ed ho fatto bene, è venuta ottima. Forse avrei dovuto idratarla un po' di più (anche se di fatto i liquidi erano già molti), ma probabilmente gli amidi sono ancora tanti quindi la prossima volta aggiungerò pochissima acqua. 



INGREDIENTI PER 4 PIZZOTTI RUSTICI

517 g (una confezione sana in pratica, ma anche solo 500 g) di mix Farina senza glutine Siciliaintavola (se non l'avete, potreste anche usare un mix come: la Farmo Fibrepan o la Royalfibre della Royaline, poiché sono molto simili, o ancora la Lidl, per pane senza glutine, o la Conad, sempre per pane senza glutine, o ancora la Coop o la Biaglut per pane. Alla fine sono tutti mix non uguali ma a base di soli amidi, quindi analoghi alla mia. Resta che la quantità di acqua potrebbe variare un poco, potete anche aggiungerne, se necessario, circa 20 g)
100 g mix farine naturali senza glutine (io: 30 g riso integrale, 20 g sorgo, 20 g miglio integrale, 20  g quinoa, 10 g lupino; o altre farine naturali a vostra scelta, in tutto sempre 100 g)
2 g xanthano (o farina di semi di Guar, in sostituzione)
200 g latte intero
280 g acqua
150 g Licoli senza glutine 
12 g sale
1 cucchiaino zucchero di canna integrale o miele
3 cucchiai olio evo

PROCEDIMENTO

venerdì 30 giugno 2017

ricetta Zucchine sott'olio

Avete tante zucchine genovesi (verdi, piccole, lunghe e striate?) e non sapete come cuocerle? Vi lascio un'idea, un'altra idea!!! (se cercate alla voce "zucchine genovesi" nel mio Blog ne troverete di tutti i colori!!!) ... perchè quest'anno il mio orto è stato molto generoso!!! Le Zucchine sott'olio non me le sono mica inventate io: sono un ottimo antipasto estivo, o anche uno stuzzicante aperitivo, accompagnate rigorosamente da un po' di Pane rustico, come questa Pagnotta al Saraceno o ai 5 Cereali
Circa la ricetta, ho guardato un po' in giro mille versioni, poi ho elaborato la mia. Fatta e rifatta anche gli anni scorsi, ora finalmente mi son decisa a scriverla. Così la prossima volta so dove guardare!!! 


INGREDIENTI E PROCEDIMENTO

mercoledì 28 giugno 2017

ricetta Crostata e Crostatine al Gelo di Mellone (Anguria) senza glutine

Questo è un dessert intramontabile, unico, estivo e soprattutto palermitano!!! La Crostata al Gelo di Mellone, anche in versione Mignon, come quelle che vedete nelle fotografie a seguire! Il colore ed il profumo dell'Anguria si sposano con la Cannella e i fiori di Gelsomino, sprigionando una voluttuosità irresistibile, esaltata dal Cioccolato fondente e dalla base croccante di una frolla sottile. Provare per credere!!! Io lo preparo da una vita e sempre in questo modo, prima per il Gelo usavo la Frumina (amido di frumento) che ho semplicemente sostituito con la Maizena (amido di mais) senza cambiare le dosi. Per la Frolla invece ho dovuto apportare qualche cambiamento, dovendola fare senza glutine e come piace a me, con farine naturalmente prive di glutine, senza mix. 




INGREDIENTI PER UNA CROSTATA DI CM 30
tempo di preparazione: 2 ore circa

1 dose (in realtà ne userete i 2/3, col resto potete farci biscottini) di PASTA FROLLA CON FARINE NATURALI SENZA GLUTINE (aromatizzata con vanillina e cannella in polvere, per la ricetta cliccate QUA)

1+1/2 litro di GELO DI MELLONE (per la ricetta cliccate QUAIn tutto io ho messo: 1,5 litri di succo di anguria filtrato una volta, 105 g di amido di mais, 300 g di zucchero. La dose di zucchero dipende dall'anguria, la mia era molto dolce... regolatevi assaggiando, anche durante la cottura, meglio aggiungere che togliere!!!)
q.b. polvere di pistacchi
q.b. cioccolata fondente per impermeabilizzare la base, una volta cotta
... e fiori di gelsomino!!!


INGREDIENTI PER 110-120 CROSTATINE MIGNON
tempo di preparazione: 7-8 ore circa, divisibili in due mezze giornate

1 + 1/3 di dose di PASTA FROLLA CON FARINE NATURALI SENZA GLUTINE (aromatizzata con vanillina e cannella in polvere, per la ricetta cliccate QUA)

1+1/2 litro di GELO DI MELLONE (per la ricetta cliccate QUAIn tutto io ho messo: 1,5 litri di succo di anguria filtrato una volta, 105 g di amido di mais, 300 g di zucchero. La dose di zucchero dipende dall'anguria, la mia era molto dolce... regolatevi assaggiando, anche durante la cottura, meglio aggiungere che togliere!!!)
q.b. polvere di pistacchi, per decorare
200 g circa di cioccolata fondente, per glassare le crostatine 
gocce di cioccolata fondente e fiori di gelsomino, per decorare
... e i pirottini di carta... tanti quanti le Crostatine




PROCEDIMENTO

martedì 27 giugno 2017

ricetta Calamarate dell'orto estivo

L'orto estivo è più bello di quello invernale perché è coloratissimo: le zucchine (genovesi nel mio caso), verde scuro striato, sono le prime a far frutti e molto generosamente, mentre le cugine, quelle lunghe e verde chiaro, le "zucchine serpente", ancora stentano a ingrossare ma già è possibile raccoglierne le foglie, i famosi Tenerumi, o Tinnirumi o Taddi o Talli o ancora le "pezze", la miglior verdura estiva di un verde acceso appassionante ed avvolgente che la natura abbia saputo regalarci. Seguono le zucchine, in ordine di maturazione, i pomodori, rossi e lucenti, che fanno capolino fra le loro capricciose foglie di un color verde ramato, per via dei trattamenti con minerali naturali (zolfo e rame) che danno forza alla pianta. C'è poi il basilico, abbondante e timido per via dell'altezza, che non supera i 40 cm e rispetto alle sue vicine non fa molta figura! Ma il suo profumo intenso lo mette sempre al centro dell'attenzione, lui lo sa e ne va orgoglioso e produce ogni giorno nuove corone di foglie verde brillante! E mentre io raccolgo tutto quanto il necessario per la pasta di stasera, le "Calamarate dell'orto estivo" per l'appunto, da lontano Peperoni rossi e peperoni gialli ancora verdissimi e melanzane lunghe e tonde, nere e viola, mi fanno tutti quanti l'occhiolino, come a dire che fra poco si daranno tutti a me! Sappiate che per voi ho grandi sorprese, ma non abbiate fretta, intanto mi dedico alle copiose zucchine qui presenti (l'anno prossimo mi sa che ne pianto qualcuna in meno!!!). 
Segue la ricetta delle Calamarate dell'orto estivo, semplice, fresca, veloce ... adatta al caldo della presente stagione! Buon appetito!






INGREDIENTI PER 3 PORZIONI


250 g di Calamarate Rigate (io senza glutine)
10 foglie di tenerumi
5-6 pomodori maturi e sodi (io biologici, del mio orto)
1 zucchina genovese (non piccola!)
10 mandorle pelate
q.b. olio evo
peperoncino piccante
parmigiano grattugiato a piacere

PROCEDIMENTO 

domenica 18 giugno 2017

ricetta Rotolone di Pizza senza glutine

Il Rotolone di Pizza senza glutine è qualcosa che piace a tutti! E' bello da vedere e libidinoso da mangiare, si può preparare in anticipo e poi scaldare e servire al momento, da un tocco di allegria e di novità ad una cena con gli amici, se avanza l'indomani si può portare in spiaggia o ad una gita! Insomma, è proprio una bella invenzione! Nooo, non l'ho mica inventato io, io l'ho solo fatto senza glutine con un impasto arricchito di farine naturali e lievito madre liquido, molto leggero e gustoso e ricco di fibre. Potete anche farlo col lievito di birra normale, fresco, troverete le indicazioni! 

il Rotolone di Pizza senza glutine

il Rotolone di Pizza senza glutine


Ingredienti per 6-8 porzioni

200 g mix per pane senza glutine Auchan (o Nutrifree)
120 g mix per pane senza glutine Farmo Fibrepan (o Royalfibre Royaline o Farmo Low Protein)
100 g MixIt Schaer (o Pedon per pane)
40 g farina di riso
40 g farina di miglio bruno integrale (o altra farina naturale di vostra scelta: Saraceno, Teff, sorgo, Quinoa, riso integrale o normale,  amaranto, ecc)
2 g di farina (ovvero Gomma) di Guar 
380 g acqua 
1 cucchiaino di miele o zucchero integrale
10 g sale
2 cucchiai olio evo

Come lievito:

100 g Licoli senza glutine

Oppure in alternativa (per chi vuole usare il lievito di birra):

100 g di prefermento di lievito di birra * 

* (il prefermento si prepara con : 1 g lievito di birra fresco + 37 g farina di riso + 63 g acqua. Sciogliere il lievito dentro una ciotola con l’acqua, unire la farina e amalgamare, poi coprire con piattino e lasciare fermentare a temperatura ambiente, circa 22-24 gradi, sino a quando non raddoppia di volume e si riempie di bollicine, mostrando una leggera convessità al centro. A quel punto il Prefermento è prontissimo per essere utilizzato. Dovrebbero volerci 8 ore circa, ma dipende dalla temperatura ambiente. Preparatelo la sera prima di andare a letto e lasciatelo nella stanza più fresca della casa. Se non riuscite ad organizzarvi bene e vi ritrovate un Prefermento maturo prima del necessario, mettetelo nel frigorifero e poi utilizzatelo al bisogno, ma entro 24 ore).

Ingredienti farcitura

3 zucchine genovesi, tagliate a fettine di 1/2 cm max e arrostite con olio evo, poi salate.
1 scatola di polpa fine di pomodori pelati, condita con olio evo, sale, peperoncino o pepe e origano.
circa 150 g di pancetta affumicata tagliata sottile.
circa 250 g di provola dolce o Tuma o altro formaggio filante (no mozzarella troppo acquosa).
formaggio grattugiato se vi piace (io non l'ho messo)



il Rotolone di Pizza senza glutine
Procedimento

venerdì 16 giugno 2017

ricetta Totani ripieni di Zucchine e Ceci

Giugno, stagione di zucchine genovesi... chi mi segue, sa! Sa quante ne sto raccogliendo dal mio orto e di tutte le misure, e quanto mi stia sforzando di cuocerle in modi differenti, per non ripetere sempre le solite zuppe! Se cercate nel Blog alla voce "zucchine genovesi" troverete molte idee interessanti per utilizzare questo straordinario frutto della natura! Oggi vi propongo un secondo piatto, per me nuovissimo: i "Totani ripieni di Zucchine e Ceci", gustosi e delicati, dalla farcitura morbidissima e leggera, a base di tantissima polpa di zucchine, ceci e aromi freschi di stagione. Provateli, sono buonissimi! 




Ingredienti per 2 persone

2 Totani di media dimensione
2 zucchine genovesi
2 cucchiai di Ceci precotti
pangrattato q.b.
12 fili di erba cipollina
20 foglie di menta fresca
6 foglie di basilico
2 cucchiai misti di passolini (uvetta passa) e pinoli 
1/2 cucchiaino di Curry
peperoncino e/o pepe nero
olio evo q.b.


Procedimento

martedì 13 giugno 2017

ricetta Tabulè Salmone e Gamberi

Ciao, oggi vi propongo un piatto leggerissimo e estivo, una soluzione ideale per le cene fra amici, da preparare con largo anticipo e servire freddo: il Tabulè (o Tabbouleh) con verdure, ma proprio tante, e una nota di mare che rende giustizia a questo piatto Mediterraneo nell'animo! Spezie poche, aromi freschi ASSAI! Il Tabulè Salmone e Gamberi che vi propongo oggi è stato preparato con un couscous di mais e riso (trovato in un negozio di alimentari bio, marca 'più bene') che è molto simile come granulometria al Bulgur, il grano spezzato con cui si prepara il classico Tabulè. Altra caratteristica di questo mio Tabulè Salmone e Gamberi è la cottura. Il mio infatti è un metodo di cottura alternativo, in realtà non cuoceremo il couscous (che è sempre quello precotto che si trova in commercio) ma gli faremo assorbire lentamente e a freddo, con riposi di un'ora nel frigorifero, tutti i liquidi delle verdurine e i nostri condimenti. Verrà un Tabulè molto saporito e ben sciolto, sgranato e consistente. L'altra sera l'ho preparato per una festa a casa di mio fratello, una festa da ballo, appena arrivata l'ho appoggiato sul tavolo assieme alle altre pietanze già presenti... poi mi sono allontanata in sordina, non volevo che si sentissero obbligati a farmi complimenti ... ma durante la serata mi hanno cercato tutti apposta, per chiedermi com'era fatto e per dirmi che così buono non l'avevano mangiato mai! E nessuno ha capito che non era di grano! Che soddisfazione!!! E dire che era la prima volta che lo facevo... ci sono stata attenta, l'ho condito con attenzione e tantissimo amore, così come si deve fare in cucina... ma oggi devo ringraziare una persona speciale: mia sorella, Sandra, lei mi ha dato le dritte su come cuocere a freddo e lentamente il couscous per fare il Tabulè, è una sua specialità, per questo mi sentivo sicura del risultato! Grazie sorellina!!!




Ingredienti per 12-15 porzioni

700 g di coucous precotto (io di mais e riso biologici marca 'più bene')
4 peperoni (2 rossi e 2 gialli)
2 grosse zucchine genovesi (oppure 4 normali)
1 melanzana lunga
3 carote
1 scatola di ceci precotti (da 250 g circa)
110 g circa di uvetta sultanina
250 g di pomodorini ciliegini
500 g di gamberetti freschissimi (peso già sgusciati, circa 1 kg interi)
2 scatole di Tonno al naturale (da 125 g)
300 g di Salmone affumicato

Aromi & condimenti:

Erba cipollina abbondante (anche per decorare)
Menta fresca abbondante (anche per decorare)
3 cucchiai di pesto Vegano (senza formaggio, con mandorle e pinoli)*
1 cucchiaini di Ras El Hanout (miscela di spezie nord africane) o di Curry 
1 pentolino di brodo vegetale senza glutammato
Peperoncino
Pepe nero
Timo fresco qualche rametto
Alloro 1 foglia
Olio evo q.b.
3 limoni (il succo)

* per il pesto vegano: 
frullate una bella manciata di foglie di basilico abbondanti con un po' d'erba cipollina, assieme ad una ventina di mandorle pelate, un po' di pinoli e 1 pomodoro secco tagliuzzato. Ammorbidite con olio evo, salate e pepate a piacere. Conservate in frigo coperto da un filo dolio sino al consumo. Ottimo per qualsiasi primo piatto.





PROCEDIMENTO

venerdì 9 giugno 2017

ricetta Zucchine a Scapece

Ricetta facile e della tradizione, questa delle Zucchine a Scapece! La trascrivo più che altro per chi come me si scorda sempre come si fanno le cose, soprattutto le più semplici come queste, che poi sono anche le migliori!!!


Non c'è bisogno di dosi precise, regolatevi in base alle zucchine che vi trovate nel frigorifero. Le mie erano circa 4 belle grandi!

Ingredienti per 4 zucchine a scapece

4 Zucchine genovesi
q.b. Olio evo (per cottura e per condimento finale)
2 spicchi d'Aglio
100 ml circa di Aceto di vino bianco
q.b. sale
abbondante menta fresca
q.b. pepe o peperoncino piccante
1 pizzico di Zucchero di canna integrale (anche facoltativo)

Procedimento

martedì 6 giugno 2017

ricetta Brioscine palermitane senza glutine (prove 5, 6 e 7)

Questo post segue le mie numerose precedenti prove per la ricerca della ricetta perfetta della Brioscina palermitana senza glutine!!! Trovate le altre prove (la 1, 2 e 3) QUA e (la 4) QUA ma ovviamente, essendo questa la mia ultima versione, non posso che consigliarvi di provare questa per prima, che a mio avviso è la migliore. Molto soffice e spugnosa, ben lievitata. E' la versione più bianca, simile a quella palermitana che gialla non è e non deve essere, perché ho usato una sola farina (mix industriale) a base di amido di frumento deglutinato e di mais. 
Sono giunta a questa scelta dopo aver tentato diverse combinazioni e con la consapevolezza che a Palermo sia le Brioscine che altri prodotti da forno tipo il Semprefresco, un panino simile come consistenza alla brioscina, sono fatti con sola Farina 00 e strutto. Quindi una farina raffinatissima e ricca di amidi. Pertanto la scelta della Royaline (o Farmo Fibrepan) è stata un naturale approdo, che da tempo avevo intuito ma che per ragioni glicemiche avevo evitato. Ma in fondo, riflettendoci, la Brioscina si mangia una volta ogni tanto, non ogni giorno come il pane! Tanto vale mangiarla buona così come deve essere!!! E questa è molto buona. 
Ma non credete, la ricerca continua, io nel frattempo farò altre prove perché ancora si può migliorare!

PROVA N° 7 ultimissima!!!
BRIOSCINE PALERMITANE CON PREFERMENTO
con farina unica e strutto


brioscine con licoli



e le brioscine con ldb


le brioscine, a destra con ldb e a sinistra con Licoli
interno della brioscina prova lievito di birra

interno della brioscine, prova con  licoli



INGREDIENTI PER 5-6 BRIOSCINE PALERMITANE SENZA GLUTINE 

100 g Farmo Fibrepan (o anche Royalfibre Royaline)
200 g RoyalFibre Royaline*
1 pizzico di vanillina (circa 1/3 di bustina, anche meno) più qualche goccia di aroma panettone o arancia o le scorze di mezza arancia biologica 
50 g panna fresca (quella con indicato in busta: 35 g di grassi ogni 100 g di panna)
30 g zucchero
4,5 g sale
26 g strutto (se proprio non l'avete, provate con 26 g di olio di semi di girasole. Non usate il burro, perchè cambia la grammatura e la quantità di acqua, dovrò provarlo io prima di sapervelo indicare bene)
150 g latte intero
8 g miele
aromi: 1 pizzico di vanillina e qualche goccia di aroma panettone (se senza glutine) oppure se si vuole anche scorzette di arancia biologica
85 g acqua 
17 g Licoli (senza glutine) oppure 1 g di Lievito di birra fresco

* Farine quasi identiche tra loro, che volendo possono essere usate anche da sole (o l'una o l'altra). Io ho provato anche con la sola Royaline, che rispetto alla Farmo non ha retrogusti nè odori e a mio avviso rende meglio (parere personale). Per chi non sopporta l'odore della Farmo è ideale. Allo stato, questi due mix non sono sostituibili con altre farine, se non con la Lidl che però non ha il frumento deglutinato e non rende altrettanto bene, quindi non la consiglio oggi. Se volete fare le mie brioscine, ma non possedete queste du particolari farine, leggete in basso al post e troverete altre mie versioni, precedenti, con risultati comunque molto buoni ottenuti con farine differenti. 

cliccate sulla foto per vederle in diretta sul video:




PROCEDIMENTO

PREFERMENTO ore 10:00 del giorno precedente

LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa

LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa