Cerca nel blog

la Regina Gelsomina!




Non capisco perché oggi tutti questi umani mi guardano così avviliti. 
Da vent’anni o forse più (non ricordo bene ormai quando sono nata), comunque… è una vita che li osservo e non sono mai riuscita a capirli bene.
La prima, per quanto la memoria mi assista, che mi ha dato dei pensieri è stata la vecchia signora che mi ha accolto in casa sua, quand’ero ancora una cucciolotta e stavo per fare una brutta fine. Brutta, poi, non sono così certa che sarebbe stata la mia sorte, perché, a giudicare da come son venuta fuori, bella e regale come una regina, di certo qualche altro umano sensibile alle forme mi avrebbe aperto le porte di casa sua. 
E poi, detto fra noi, forse mi sarei pure giocata qualche anno, in cambio di una vita libera…
Sliding doors, amici miei! Chissà…
Comunque, vi dicevo della mia prima e unica vera madre che ho avuto. Ebbene, anche lei, sin dal primo momento mi ha fatto capire che nascere gatti è una gran fortuna, perché loro, gli umani, si creano tanti di quei problemi inutili da rendere la vita a sé stessi e, ahimè, anche ai loro amici pelosi (così gli piace chiamarci da qualche tempo) un vero incubo.
Noi gatti invece siamo tranquilli per natura, nulla ci turba, nemmeno la presenza dei nostri atavici e pseudo nemici, ovvero i cani, altre vittime per amore di questa razza di bipedi, ansiosi e sostanzialmente egoisti. 
Urlano, litigano, piangono, si mettono a dieta (pazzi!), poi si ubriacano e vomitano, si lamentano in continuazione di tutto, si fanno del male e poi si leccano le ferite con strani rituali. Che strazio.
Io con lei, con mia madre, in fondo ci sono stata bene e devo dire che mi ha lasciato vivere in santa pace. Mi è dispiaciuto quando se n’è andata, qualche anno fa, poco prima di me.
Le sue continue attenzioni, anche eccessive certe volte, mi piacevano, in fondo in fondo. Anche lei era a suo modo una regina. Una regina sola, senza corte, proprio come me. Ce ne sono tante di femmine, di qualsiasi razza, che scelgono la solitudine perché disprezzano i loro cortigiani. Io e lei ci capivamo. Per questo stavo bene.
Di diete non me ne ha mai imposte, anzi. Se ne fregava di raccomandazioni salutiste e mi ha fatto provare di tutto, anche se, per natura, a me son sempre piaciute le cose buone: il filetto di vitello, crudo e appena tagliato, o il pesce fresco cotto a vapore, insomma, la salute l’ho sempre riguardata per istinto. Tant’è che, almeno sino ad oggi, del mio fisico non mi potevo lamentare.
Adesso basta però, non mi piacevo più, sono vecchia e sono crollata. Altro che regina, se mi aveste visto…
Nessuno deve sapere quello che mi è successo, tanto poco importa. Oggi un’altra gatta anziana è salita sul ponte (chissà cosa intendono gli umani con questa salita sul ponte, in ogni caso è un altro modo di dire che se n’è andata in paradiso), tutto qua. 
E finalmente riprendo a correre e a mangiare… e con i miei denti! Anzi, a proposito… adesso vado a vedere dov’è mia madre, la trovo e ce ne andiamo al ristorante. In un posto così bello non si mangerà male. Almeno spero!


se vi va di leggere, ho ancora qualche storia vera che mi piacerebbe raccontarvi ...



io sono Bimba Pimba!

Anubi e Trottolino, una vera storia d'amore
Giggia, il mio spirito libero
Geo, detto Bogart, pastore dello Zen
un uomo e un cane



LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa

LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa