Cerca nel blog

lunedì 31 ottobre 2016

ricetta della Crostata alle Arance senza glutine .... con farine naturali




Con farine naturalmente senza glutine e senza lievito, questa pasta frolla è particolarmente adatta alla preparazione di dolci e crostate (se volete farci biscotti, aggiungete 1/2 bustina di lievito per dolci, per averli più gonfi e friabili): non sbriciola, non è secca al palato, si lavora facilmente senza spaccarsi e soprattutto ha un sapore buonissimo, semplice, casalingo, senza retrogusti. La ricetta di questa Crostata alle Arance senza glutine è quella che facevo una volta, ma con la farina di frumento, l'ho semplicemente sglutinata scegliendo di utilizzare farine naturali,  farina di riso, fecola di patate, amido di tapioca o mais, secondo le proporzioni indicate da Bette Hagman, nell'ordine semplificato di 3 parti - 1 parte - 0,5 parti. Ho dovuto aggiungere un po' più d'uovo rispetto a quella che facevo prima, tutto qua. A voi la ricetta!!! 

Ingredienti per una Crostata alle Arance senza glutine
(diametro cm 25)

per la frolla

300 g di farina di riso normale
100 g di fecola di patate
50 g amido di Tapioca o di Mais (io oggi ho usato il Mais)
8 g di Xantano
2 uova intere (circa 55 g ciascuna pesate senza guscio)
225 g di burro (tagliato a dadetti di 1 cm da freddo)
200 g di zucchero
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina in polvere o la scorza di un limone biologico grattugiata o cannella in polvere

per la farcitura

1 uovo intero sbattuto per spennellatura
q.b. marmellata di arance biologiche (o altra marmellata) 
q.b. biscotti secchi semplici e sbriciolati (non indispensabile) 

Procedimento


Miscelare bene le farine con lo Xantano, lo zucchero, il sale e l'aroma prescelto (vanillina in polvere, scorza del limone o cannella), versarle nella ciotola della planetaria (o in una ciotola ben capiente, se lavorate a mano) e aggiungere il burro (tagliato in piccoli dadi di massimo 1 cm per lato ma non morbido, ancora ben sodo e fresco). 


Azionare l'impastatrice (con montata la foglia ovvero nota come frusta a K) alla minima velocità e attendere che il burro si sbricioli amalgamandosi la farina, dando luogo ad un composto ben sgranato ma abbastanza omogeneo. 



A questo punto unire le uova (precedentemente sbattute appena un po' per amalgamare tuorli e albumi) e impastare sino a quando il composto inizia a compattarsi in grossi pezzi.



Versare il composto ancora in grossi pezzi nella spianatoia e lavorarlo a mano quanto basta per ottenere una palla morbida, compatta e liscia.



Avvolgerla con carta pellicola e conservarla in frigorifero per almeno 1 ora (io l'ho tenuta oltre 12 ore).

Prelevare dal frigorifero la palla, svolgerla, prelevarne i 2/3 e stenderli direttamente su carta da forno leggermente infarinata (riso), aiutandovi di tanto in tanto spolverando farina di riso anche sulla pasta o sul matterello.
(Se la frolla è rimasta molto nel frigo, dovrete tirarla fuori almeno mezz'ora prima e poi probabilmente sarà necessario ammorbidirla un po' con le mani, rilavorandola un minutino. Io ho fatto così, perché l'ho tenuta in frigo mezza giornata. All'inizio si è rotta ma poi lavorandola con le mani si è riunita in una palla perfetta e si stendeva meravigliosamente, senza sfrangiarsi).

Ricavare un disco dello spessore di mezzo centimetro e ritagliarlo della dimensione del diametro della teglia (la mia era di cm 25) più le alzate laterali (i ritagli vanno raccolti e ricomposti a palla).



Imburrare e infarinare le sponde interne della teglia, mentre, sul fondo, sistemare un piccolo disco di carta da forno (così non avrete sorprese per prelevare la crostata, una volta cotta).



Sistemare il disco di frolla all'interno della teglia, facendo aderire bene l'impasto alle sponde interne. Togliere le parti sporgenti passando col matterello sulle sponde della teglia.



Bucherellare il fondo.



Riempirlo di biscotti secchi sbriciolati (non è indispensabile ma serve a mantenere asciutta la base della crostata, e più a lungo. Lo strato sbriciolato infatti assorbirà l'umidità della marmellata) e infine di marmellata (la vostra preferita, io di arance biologiche fatta da me!).



Ricavare, con la frolla avanzata, delle striscioline sottili di impasto e sistemarle a rombi incrociati. Formare anche dei salamini stretti e lunghi e sistemarli lungo la circonferenza interna.



Spennellare bene le parti di frolla con un uovo sbattuto.



Cottura

Cuocere per 45 minuti in forno ventilato, pre riscaldato, a 175°C per i primi 25 minuti, poi a 150°C per il resto del tempo.

Tirar fuori dal forno e aspettare che si raffreddi del tutto, poi controllare con molta attenzione che non ci siano punti di frolla attaccati alle sponde della teglia, imporre con entrambe le mani dei leggerissimi sobbalzi verso l'alto, per verificare che la crostata sia ben staccata, quindi capovolgerla appoggiandovi sopra un piatto abbastanza grande e girarla subito sul piatto da portata definitivo.



... e per la rubrica FATTI DA VOI, ecco le prime due crostate che mi sono pervenute nella mia pagina Facebook, fatte da voi con questa frolla ma con marmellate di vostro gradimento!

la prima di Giulia Castelli!!! bravissima!!!




... la seconda, di Stefania Spinaci!!! anche lei, bravissima!!!




... poi c'è chi ci fa i biscottini, con i suoi nipoti!!! la mia cara Anna Maria Giuliano, sempre bravissima!!!




... e ancora Roberta Sala!!! con le sue composizioni natalizie!





e poi Ginger Alessandra!!! sempre brava e dolce come la sua bella Crostata!!!




... e poi ancora Giuliana Bagnoli, con una crostata perfetta e dei deliziosi frollini!




... e ora, attendo le vostre foto!!!

Se vi è piaciuta questa ricetta seguitemi sulla mia pagina Facebook, mettendo il Mi piace o iscrivendovi riceverete le mie nuove creazioni!

Baci, Bimba Pimba


LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa

LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa