Cerca nel blog

giovedì 18 giugno 2015

La granita di limoni siciliani ... con la brioche (gluten free!)



In Sicilia non c'è estate senza la granita di limone! ... ovviamente, deve essere accompagnata dalla mitica brioche, preferibilmente calda! Anzi, a Palermo la chiamiamo "brioscina", perché la nostra è differente dalle altre, è bianca, senza uova, e  poi è morbidissima! 





Ingredienti
460 g di succo di limone appena spremuto e filtrato (se volete, io qualche volta non lo filtro, perché un po' di polpa di limone biologico rende la granita ancora più consistente e cremosa. In questo caso pesatene 500 g), 500 ml di acqua e 250 g di zucchero.

Procedimento
Sciogliete lo zucchero in un pentolino con l'acqua. Portate a bollore, a fiamma bassa, e dopo una trentina di secondi spegnete. Fate quindi raffreddare questo sciroppo di zucchero e quando sarà a temperatura ambiente miscelatelo al succo di limone. Riponete la vaschetta, chiusa, in freezer e per un'oretta non fate niente. Poi, allo scadere della prima ora, con una frusta a mano girate il succo e ritappate la vaschetta. Ogni mezz'ora riapritela e girate con la frusta, miscelando sempre molto bene per non far separare, durante il congelamento, l'acqua dallo zucchero e dal limone. Ci vorranno almeno tre/quattro ore, per raggiungere la giusta consistenza, anche qualcosina in più. 
Così facendo però avrete una granita morbida e cremosa e sempre pronta al consumo. Se però, dopo le prime tre ore, vi allontanate da casa o dovete andare a dormire, non vi preoccupate perché se avrete lavorato bene la granita durante le prime due/tre ore, l'indomani sarà dura, ma sempre omogenea. Basterà, con una forchetta, raschiarla per bene e attendere qualche minuto prima di servirla.


granita con brioscina palermitana senza glutine, versione con burro e un albume... buona, morbida ma... ancora non è lei


La ricetta della granita è semplice, quella della brioscina molto meno. Si, perché ovviamente io la devo fare con farine senza glutine, altro che Manitoba e roba simile! 
E qui, come ben sa chi patisce questo limite, le cose si complicano non di poco!
Come sempre, sono andata a chiedere aiuto al mio blog preferito: Uncuoredifarinasenzaglutine di Olga Botta, la mitica! (più delle brioscine)... e da quel momento ad oggi ho preso due chili, a furia di prove e controprove, tutte rigorosamente mangiate a quattro palmenti!
Ne sto sperimentando tante, di varianti, con burro e con uova, senza uova, con lo strutto... ma ancora non sono soddisfatta in pieno. Appena sfornate sono meravigliose, belle e buone, morbidissime... 


brioscine palermitane con strutto e un albume, bellissime, sapore identico, morbide ma... gommose quando fredde






ma dopo qualche ora diventano gommosine... si riprendono bene se riscaldate al microonde, secondo i miei gusti però (io non sono la celiaca di casa e le brioche fatte fuori le continuo a mangiare. Voglio raggiungere quella qualità...) non sono ancora riuscita a trovare la ricetta giusta.
Se siete delle temerarie e volete continuare con me la sperimentazione, cliccate qua ("la brioscina palermitana senza glutine, prove n. 1,2 e 3")! Troverete tutte le mie prove e le ricette relative. Altrimenti, se volete andare sul sicuro, seguite i consigli del blog di Olga Botta, alla voce Brioche sicule col tuppo troverete più di una ricetta!  La sua brioche somiglia a quella messinese gialla, perché fatta con l'uovo e il burro. Io che sono ostinata e testarda, da brava palermitana, la voglio bianca, senza uova né burro, ma con lo strutto! Ci riuscirò o dovrò arrendermi?! Vedremo, intanto prima un po' di dieta!

Per la granita però non ho dubbi! Fatela così e non ve ne pentirete!


LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa

LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa