Cerca nel blog

sabato 12 dicembre 2015

Dolce rustico all’arancia

E se doveste avere una voglia improvvisa di un buon dolce natalizio, semplice, che somigli vagamente al panettone, nei profumi, nei sapori e nella forma (non nella consistenza, ovviamente) e se non avete proprio il tempo di farvelo voi il panettone (ci vogliono due giorni almeno, mica è uno scherzo!)... che si fa? si rinuncia? o si compra quello industriale? (non so voi, ma a noi quello industriale non piace per nulla, e costa veramente un po' troppo)... No! Restate a casa, spendete molto poco e in poche mosse vi preparate questo dolce casalingo spettacolare e squisito, che resiste a lungo e rimane morbidissimo fino a due giorni (di più non so, difficilmente ve ne rimarrà tanto)! 
Suvvia, leggete gli ingredienti e la procedura semplicissima e andate in cucina a prepararlo! Così stasera sarà festa!


 


Ingredienti

250 g di farina (senza glutine per i celiaci. Io ho usato: 100 g di Farine DallaGiovanna per dolci lievitati + 150 g di Mix C Schaer. Potete utilizzare anche una sola di queste farine o un altro mix per dolci senza glutine di vostra preferenza)
200 g zucchero di canna integrale
1 pizzico di sale
3 uova intere (biologiche per scelta personale)
70 g uvetta sultanina
30 g pinoli
2 arance biologiche bionde (succo e scorza grattugiata)
1 limone biologico (solo la scorza grattugiata)
100 g olio di semi di girasole (biologico per scelta personale) oppure se volete potete sostituirlo con burro (a temperatura ambiente, consistenza a pomata)
1 bustina di lievito per dolci (senza glutine per i celiaci)
1 busta di vanillina in polvere (o l’interno di mezza bacca di vaniglia)
5 cucchiai di Moscato o altro vino liquoroso (più un cucchiaio o due per ammorbidire l’uvetta)
mandorle a scaglie q.b.
zucchero a velo (senza glutine) per la decorazione finale


Procedimento

Miscelare la farina allo zucchero, al lievito, alla vanillina e al sale, unire quindi prima il succo e la scorza delle arance grattugiate utilizzando un frustino a mano, per sciogliere i grumi, e poi l’olio di semi e il Moscato. A mano e con movimenti lenti e dal basso, incorporare le uova (precedentemente sbattute con la frusta elettrica sino a farle diventare ben spumose e ferme). Aggiungere alla fine l’uva passa (precedentemente ammorbidita in poca acqua e due cucchiai di Moscato, quindi ben strizzata e spolverata con pochissima farina di riso finissima e infine privata dell’eccedenza di farina. Io non sono stata molto attenta a questa fase e l’uvetta se n’è scesa in fondo al dolce) e i pinoli, amalgamare bene il tutto, versare nello stampo (io ho usato quello per panettone basso, le dimensioni di base sono: 18 cm di diametro per 6 cm di altezza. Se utilizzate uno stampo in metallo ricordatevi di imburrarlo e infarinarlo bene prima. Non potrete capovolgerlo però, ma se ben cotto non si abbasserà! Ancora meglio, a mio avviso, sarebbe mettere della carta da forno dentro la teglia o utilizzare una teglia con base estraibile, per non avere brutte sorprese quando si esce il dolce dallo stampo) e cospargere con mandorle a fettine. 


Ho usato uno stampo per panettone basso da 750 g


Infornate a 180° ventilato e pre riscaldato per 40/45 minuti (il mio ha cotto 45. Dopo i 40 fate la prova stecchino), poi uscite e capovolgete, facendolo raffreddare al contrario, come si fa per il panettone.


Spolverate con zucchero a velo e servite tiepido, ma anche il giorno dopo è perfetto!!!









Seguitemi sulla mia pagina Facebook, mettendo il Mi piace o iscrivendovi riceverete le mie nuove ricette!
Baci da Bimbapimba



LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa

LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa