Cerca nel blog

domenica 26 luglio 2015

la Caponata di melanzane




Ingredienti per dieci persone

6 melanzane ‘nostrane’ (quelle nere e lunghe), tagliate a cubi di tre centimetri per lato; 
6 grosse coste di sedano, tagliate a rondelle di mezzo centimetro di spessore;
3 cipolle medie e bionde, affettate molto finemente;
4 mestoli di salsa di pomodoro (misurata, circa 350-400 g);
50 olive verdi, snocciolate e spezzettate grossolanamente;
circa 50-70 (dipende dalla grossezza, anche di più se piccoli) capperi, dissalati; 
1 bicchiere (di quelli di plastica, come misuratore, 100 g di peso) di aceto bianco in cui scioglierete due cucchiai di zucchero;
olio evo (io ci friggo anche le melanzane, aggiungendolo man mano che termina, così da non farlo bruciare, e tagliandolo con olio di semi di girasole, ma voi scegliete per la frittura l'olio che preferite) , sale e tanta buona volontà! 
... e una manciata di pinoli, tostati, per decorare il piatto...

... gli ingredienti principali, nudi e crudi!


Procedimento

Friggete le melanzane in olio evo, a fuoco alto ma senza cuocerle troppo, devono restare croccanti e prendere colore. Riponete quelle pronte su carta da cucina, affinché nel frattempo venga assorbito l’olio in eccesso. Salatele un poco, solo se il condimento non è troppo salato. 

Si, perché prima di friggere le melanzane dovreste preparare il condimento… 
Si fa così!



Sbollentate in acqua poco salata il sedano, già tagliato a rondelle, per uno o due minuti al massimo. Poi scolatelo (senza gettare l’acqua) e raffreddatelo per fermare la cottura. Io, questa volta, ho aggiunto due carote, cuocendole esattamente come ho fatto con il sedano. Erano biologiche e con le melanzane del mio orto facevano bella figura!



Quindi, soffriggete la cipolla (affettata finemente) in olio evo e acqua di cottura del sedano (che non dovrete gettare, serve ad allungare il condimento quando e se sarà necessario). 
Quando la cipolla si sarà sufficientemente ammorbidita, fate asciugare l’acqua e unite tutti gli altri ingredienti, nell’ordine: sedano, carote (se decidete di metterle, sappiate che nella ricetta originale non vanno e i tradizionalisti potrebbero storcere il naso. Ma a me non importa!), olive, capperi, salsa di pomodoro e, per ultimo, l’aceto con lo zucchero. Continuate la cottura per cinque/dieci minuti, a fuoco medio, allungando con acqua di sedano se necessario e controllando la salatura (olive e capperi influiscono parecchio sull’insieme). Poi spegnete e lasciate in disparte, coperto. Adesso si che potete friggere le melanzane!




il condimento per la caponata è pronto...
Appena le melanzane saranno tutte pronte, distribuitele in una taglia capiente dal bordo alto, copritele uniformemente con il condimento e lasciate che si raffreddi il tutto. 



Dopo una mezz’oretta, giratele con delicatezza, e fatele riposare ancora. 



Quando sarà ben fredda, versate tutta la caponata in un contenitore in ceramica, copritelo e riponetelo in frigorifero. Se riposa, anche mezza giornata, e se si raffredda è molto, ma molto più buona! Però ogni tanto, durante le prime ore, giratela con molta delicatezza, senza rompere le melanzane, per fare insaporire e amalgamare bene tutti gli ingredienti. Dura anche due o tre giorni, se conservata bene in frigorifero! Non sempre però ci arriva! Offritela come antipasto, con del pane, magari del pane fatto in casa, o comunque che pane sia!
Seguitemi sulla mia pagina Facebook, mettendo il Mi piace o iscrivendovi riceverete le mie nuove ricette!





LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa

LE VIDEO RICETTE DI BIMBA PIMBA ... cliccate sul titolo che vi interessa